Nuova politica di sostenibilità in Bruschi

di Arianna Piersigilli
Aprile 01, 2019
sustainability zinc

La Bruschi ha definito una nuova politica di sostenibilità e un’appropriata riorganizzazione interna allo scopo di raggiungere performance sempre migliori dal punto di vista ambientale, economico, sociale ed etico. In particolare, l’attività di rinnovamento ha riguardato il potenziamento dell’area Health, Safety, Quality and Environment.

 

1. Qualità

Al fine di soddisfare gli standard di qualità e sostenibilità richiesti dal mercato la Bruschi ha negli anni ottimizzato i propri processi produttivi e adeguato il proprio approccio organizzativo ai principi di sostenibilità riconosciuti a livello internazionale ottenendo le certificazioni ISO 9001 e IATF. Queste certificazioni rappresentano, infatti, lo standard di riferimento per i sistemi di gestione della qualità: in particolare la certificazione IATF costituisce un attestato rilevante per il settore automotive, un mercato sfidante e complesso che richiede elevati standard di qualità.

Per visualizzare le certificazioni ottenute dalla Bruschi, clicca qui.

La Bruschi, nell’ottica di un continuo miglioramento e monitoraggio delle performance, ha inoltre definito una riorganizzazione interna al fine di ottimizzare i controlli in molteplici dipartimenti aziendali:

  • Supply chain: aumento dei controlli sulla supply chain attraverso la pianificazione di audit e ispezioni
  • Laboratorio metrologico: intensificazione delle attività di controllo dimensionale, controlli sulla produzione e reverse engineering
  • Attrezzeria: miglioramento della manutenzione di attrezzi e stampi e introduzione di specifici audit per gli stampi
  • Produzione: adozione di istruzioni di lavoro standard per migliorare le attività di controllo in produzione e ottimizzare la rilevazione di problematiche
  • Team non conformità: introduzione di un team dedicato alla gestione delle non conformità

Attraverso l’implementazione di queste attività la Bruschi ha adottato un approccio che favorisce l’integrazione dell’area HSQE con gli altri dipartimenti aziendali coinvolti nella gestione della qualità, promuovendo così la collaborazione interna e una più diffusa condivisione dei principi di sostenibilità.

 

2. Ambiente

La Bruschi opera da sempre nel rispetto della tutela ambientale attraverso un modello di business fondato sulla razionalizzazione delle risorse e sull’adozione di pratiche sostenibili. Il miglioramento dei processi produttivi, al fine di ridurre l’impatto dell’azienda sull’ambiente, rappresenta uno dei pilastri su cui si basa la politica di sostenibilità Bruschi, insieme a un’attenta gestione dello smaltimento dei rifiuti e a una rigorosa selezione delle materie prime.

In Bruschi viene infatti giornalmente esaminata e controllata la materia prima che sta alla base del sistema produttivo: lo zinco. Si tratta di un elemento naturale ed essenziale per l’ambiente, che presenta proprietà quali versatilità, durabilità e elevato tasso di riciclabilità. I prodotti in zinco che raggiungono la fine del loro ciclo di vita possono, infatti, essere riciclati senza deteriorarsi o perdita di proprietà fisiche, costituendo così una nuova fonte di materia prima. L’International Zinc Association riporta che globalmente circa il 45% dello zinco viene riciclato, arrivando fino al 50% in Europa e Nord America.

 

3. Gestione del personale

La politica di sostenibilità Bruschi promuove la tutela dei diritti umani, della diversità e delle pari opportunità. Il modello Bruschi favorisce lo sviluppo di una cultura equa, trasparente e inclusiva, che garantisca condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, crescita professionale e libertà di associazione e contrattazione collettiva, rifiutando qualsiasi forma di discriminazione culturale e sociale e contrastando al contempo ogni forma di lavoro forzato e minorile.

La Bruschi sostiene inoltre una cultura aziendale fondata sulla fiducia, sulla motivazione e sul coinvolgimento del personale, promuovendo iniziative formative per accrescere cultura e competenze aziendali. In particolare la Bruschi favorisce la valorizzazione delle comunità locali, offrendo opportunità occupazionali e instaurando rapporti duraturi con fornitori locali, al fine di promuovere lo sviluppo dell’economia del territorio.

 

4. Etica

Nell’ambito della CSR (Corporate Social Responsibility), la responsabilità sociale d’impresa, la Bruschi ha adottato un approccio fondato sui principi della Linea Guida ISO 26000: accountability, trasparenza, comportamento etico, rispetto degli interessi degli stakeholders, rispetto del principio di legalità, rispetto delle norme internazionali di comportamento e rispetto dei diritti umani. La Linea Guida ISO 26000 si pone infatti come riferimento per le aziende che desiderano intraprendere un percorso volto all’acquisizione e alla condivisione di pratiche etiche e sostenibili, all’interno e all’esterno dell’azienda, arrivando così ad avere una visione chiara e completa in merito alle conseguenze delle proprie azioni in ambito etico, sociale e ambientale.

Sempre relativamente alla sfera etica nel 2017 la Bruschi ha ottenuto la certificazione SMETA 4-Pillars, conferita dall’associazione no-profit Sedex. SMETA è l’acronimo di Sedex Member Ethical Trade Audit. Questa certificazione attesta il comportamento etico dell’azienda in quattro diverse aree: standard lavorativi, gestione ambientale, integrità aziendale, salute e sicurezza. Con il conseguimento della SMETA 4-Pillars la Bruschi è stata così riconosciuta come un’azienda etica, capace di trasmettere fiducia e certezze ai propri clienti, presentandosi come un fornitore responsabile e attento alla sostenibilità.

Per ulteriori dettagli sulla certificazione SMETA 4-Pillars, clicca qui: Bruschi ottiene la certificazione SMETA 4-Pillars

 

Con l’adozione di questa nuova politica di sostenibilità la Bruschi ha avviato diverse iniziative volte all’aumento del livello di sostenibilità aziendale, al fine raggiungere un equilibrio tra qualità, ambiente, gestione del personale ed etica. La Bruschi si è anche posta obiettivi futuri per incrementare ulteriormente le proprie pratiche e la propria consapevolezza in termini di sostenibilità, integrando sempre più i principi della CSR nel proprio business.

 

  • Se desideri essere aggiornato sulle novità del mondo della pressofusione in lega di zinco, iscriviti al nostro blog